mercoledì 29 ottobre 2014

GUFETTI CON CARAMELLO AL BURRO SALATO E MANDORLE

La ricetta del caramello al burro salato è tratta dalla tana del coniglio.

Per la forma dei Choco Gufi si ringrazia Silikomart.






INGREDIENTI:
200gr di cioccolato fondente 70%,
30gr di mandorle tritate,
100gr di zucchero semolato,
250ml di panna vegetale,
40gr di burro senza lattosio a temperatura ambiente,
1 cucchiaino di sale

Preparare il caramello al burro salato: Lavorare il burro con il sale come fosse una crema e tenerlo fuori dal frigo.In una pentola con il fondo spesso mettere lo zucchero distribuendolo bene su tutta la superficie e scaldarlo fino a che non inizia a sciogliersi senza mai girare (al massimo ruotare la pentola per distribuirlo meglio). Intanto iniziare a scaldare la panna in un altro pentolino e spegnere quando raggiunge il bollore. Quando lo zucchero sarà completamente sciolto e biondo aggiungere la panna calda  a filo, continuando a mescolare per due o tre minuti. togliere dal fuoco e aggiungere il burro e mescolare fino a che non verrà completamente assorbito.

Far sciogliere a bagnomaria o al microonde il cioccolato fondente e metterlo in una ciotola mescolandolo dall'altro al basso facendolo raffreddare, quando avrà raggiunto la temperatura di 45° versarlo nello stampo riempendo bene ogni spazio. Rivoltare la forma in modo da far colare il cioccolato in eccedenza. Distribuire le mandorle in ogni guscio e far raffreddare a temperatura ambiente.

Una volta  indurito riempire le formine con il caramello di burro salato ormai rappreso e raffreddato, livellandolo bene. Coprire con il cioccolato rimasto (lasciato in temperatura) e far solidificare sempre a temperatura ambiente.

Quando i gufetti saranno ben induriti sformarli con attenzione e delicatezza.





lunedì 20 ottobre 2014

IL BUON PROFUMO DEL PANE .....

Adoro il Sud Tyrol, mi piace in ogni stagione! D'inverno immerso nella neve e nel Natale, di primavera e d'estate con le sue verdi distese e l'autunno con i suoi colori caldi...Una costante che puoi trovare qui in qualsiasi stagione sono i suoi sapori...gusti nordici e prelibati dall'antipasto con lo speck al dolce con i mirtilli rossi e le salse alla vaniglia di accompagnamento allo strudel..

Così avendo dovuto rinunciare alle vacanze estive, con la mia dolce metà ci siamo voluti regalare un weekend lungo a Bressanone, dove guarda caso c'era proprio la fiera del pane e dello strudel. Un'ottima occasione per rilassarci un po' e assaggiare prelibatezze nonchè, per me, prendere spunto per nuove ricette.

Nonostante ci abbiano tacciato in molti di aver pensato solo al cibo in quei giorni, posso assicurarvi che non rischierò il diabete per la quantità di dolci ingurgitati, grazie alle lunghe camminate per borghi, castelli e abbazie.

Vi lasci ad un resoconto fotografico ma prima non mancherò nel darvi alcune dritte, semmai voleste recarvi da quelle parti...io intanto penso cercherò qualcuno che mi addotti, così mi ci trasferirò definitivamente!

BRESSANONE

Caffè dell'Hotel Adler 
Fantastico caffè con ambiente moderno ed elegante, con una tisana                                               originale per ogni stagione e dolci deliziosi, io non posso far a meno dei                                         tortini con semi di papavero alla salsa di mela o ai lamponi e i tortini                                             alle mele.

Pasticceria Pupp 
Buonissimi strudel sia di pasta frolla che di pasta sfoglia

Hotel Haller 
Ottima location per soggiornare con un  variegato ristorante da                                                   un'ottima cucina, il loro strudel può suscitare una dipendenza difficile da                                     curare!

Abbazia di Novacella 
Antica Abbazia ancora in ottimo stato con un ottimo caffè che offre                                             birre  selezionate e deliziosi taglieri. Nello shop potrete trovare una                                             gran quantità di tè e tisane le cui erbe sono selezionate a mano e                                                   trattate artigianalmente. Vi consiglio di                                                                                               raggiungerla a piedi lungo la pista ciclabile, partendo dal Caffè dell'Hotel Adler, sono                 circa 3km ma è una passeggiata molto piacevole e completamente in piano.

BRUNICO

Pasticceria Acherer 
Un negozio minimale con un bancone bianco, annesso ad un negozio di composizioni                   floreali, ma a dar colore sono i dolci. vi assicuro che non potete uscire da lì senza                       averne  preso qualcuno da assaggiare! Sono di finissima e altissima pasticceria, e i                 prezzi sono quelli di una pasticceria normale nonostante servino dei piccoli capolavori.           C'è pure un piccolo tavolino a scompara in fondo al negozio per poter fermarsi gustare             i dolcetti direttamente lì. 

Museo dello speck 
Entrate in un negozio, nel centro del paese, che vende ogni tipo di speck immaginabile             (anche di cinghiale) e scendendo una scaletta interna vi trovate nel "Museo", pieno                 dell'odore forte dello speck e delle sue spezie, l'istinto è quello di abbracciare quelle                   forme così invitanti!

Castello di Brunico 
Un'altra bella passeggiata al termine della quale ci si può tranquillamente accomodare             su  una panchina e godersi il sole e il silenzio.

Ristorante Weisses Lamm 
Ristorantino a conduzione famigliare molto tipico con ottimi prodotti (Dai                                     canederli al goulasch passando per il carpaccio di cervo, ad esempio). 

Genussmarkt Pur 
Un mix tra una bottega bio con prodotti selezionati della zona, ricordando Eataly, e                   una vineria che offre ottimi taglieri e panini e deliziose birre o succhi analcolici come                 quello di mela o di sambuco. Non si può non pranzarci almeno una volta.