lunedì 14 ottobre 2013

SAPORI PORTOGHESI...PASTEIS DE BELEM

Penserete che sia appena tornata da un viaggio in Portogallo e  inebriata dai gusti scoperti in quei luoghi mediterranei mi sia condizionata e ne senta nostalgia...e invece no! Lisbona e il Portogallo sono una delle mete che mi riprometto da parecchio di vedere e fotografare, ma ahimè ancora non ci sono potuta andare. 
Come faccio allora a conoscere questi dolcetti? Non li conoscevo infatti,  e non li avevo mai nemmeno assaggiati, finché il mio amico Andrea non me ne ha parlato tempo fa. 
Così quale migliore occasione se non il suo compleanno per cimentarmici e regalarglieli?

Aveva ragione! Sono davvero buoni! Persino nella mia personale versione milk free....

Così tanti auguri ad Andrea e speriamo di vederti presto Lisbona!.

Buona merenda a tutti.

A presto.












INGREDIENTI

250ml di latte di soia Alpro,
200ml di panna da montare vegetale,
4 tuorli,
3 cucchiai di zucchero di canna,
1 pizzico di sale,
40gr di farina di riso,
scorza di un limone,
1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia,
1 stecca di cannella,
2 rotoli di pasta sfoglia rettangolare vegetale,
cannella in polvere,
zucchero a velo,


In una ciotola capiente sbattere con una frusta i tuorli con lo zucchero e il sale. Incorporare la farina di riso e aggiungere a filo mescolando il latte e la panna  e la vaniglia eliminando i grumi che potrebbero formarsi. Trasferire in un pentolino antiaderente e aggiunger e la bacca di cannella e la scorza di limone. Scaldare su fuoco dolce continuando a mescolare finché la crema non si sarà addensata. Eliminare la cannella e la scorza del limone e far raffreddare.

Arrotolare le sfoglie separatamente formando un sigaro (a partire dal lato corto) e tagliarlo a cilindretti di circa 4 cm di lunghezza. Allargare i cilindretti partendo dal centro e formare dei cestini di sfoglia che andranno posizionati uno per uno negli stampini per muffins. Riempire i cestini con la crema per tre quarti, lasciando circa 1 cm di pasta libero. Spolverare di cannella e infornare in forno caldo a 150° per circa 15 minuti.

Sformarli e farli raffreddare, spolverar edi zucchero a velo prima di servirli.



martedì 1 ottobre 2013

TORTINE SOFFICI CON PRUGNE E NOCCIOLE...BENVENUTO AUTUNNO

Giusto poche settimane fa su queste pagine salutavamo l'estate, poteva tardare la prima ricetta autunnale? Diciamo che di idee ne ho già tante ma visto che ancora non siamo ancora nel pieno della stagione autunnale ho pensato a qualcosa che segnasse una sorta di continuità tra i colori dell'autunno che persino in città si iniziano a intravedere e le temperature ancora miti che ci fanno sperare ancora in scampoli estivi. Mi sono accorta che non ho mai preparato nulla per RossoLampone con le prugne, quindi quando sfogliando il nuovo numero di Cucina Naturale di settembre mi sono imbattuta in questa ricetta, non ho saputo resistere e l'ho fatta mia adattandola qua e là ai miei gusti. 
Buon inizio di autunno! Godetevi i primi freddi magari con una bella tazza di te e una di queste tortine, se poi avete la fortuna di farlo davanti a un panorama mozzafiato che si tinge dei colori caldi di questa stagione, come a me è capitato nelle langhe in passato...bè vi invidio...

A presto















INGREDIENTI:

160gr di farina di riso,
100gr di farina di nocciole,
2 uova a temperatura ambiente,
80gr di zucchero di canna, (si può sostituire con 100gr di miele)
1 cucchiaino di estratto di vaniglia,
6 prugne,

Con le fruste elettriche montare le uova con lo zucchero fino ad avere un composto bello consistente e raddoppiato nel volume (ci vogliono circa 15 minuti buoni). Aggiungere la vaniglia e mescolando delicatamente dall'alto verso il basso incorporare prima la farina di riso e poi quella di nocciole.
Con un goccio di olio di semi (mais o girasole) ingrassare lo stampo rotondo. 
Disporre le prugne tagliate in quattro sulle tortine e cuocere in forno caldo a 180°C per circa 15-20 minuti.
Una volta sformate spennellarle con della gelatina neutra o dello sciroppo di zucchero per lucidarle e sformarle una volta raffreddate.