lunedì 30 agosto 2010

TORTA DI CAROTE

Avevo proprio voglia di privare qualcosa di diverso e un gusto nuovo..o semi nuovo...adoro questo dolce e il gusto delle carote con le mandorle..solo che non riuscivo più a ritrovare una vecchia ricetta che avevo sperimentato e a memoria non me la ricordavo proprio....poi l'altra mattina facendo un po' di zapping mattutino sono incappata su Cielo tv nel programma di Laura Ravaioli..e cosa mi va a preparare la bravissima Laura?..Proprio la torta di carote..ovvero la CarrotT Cake...una tipica ricetta americana :-)
Ideale da portare a casa di amici "lupi",  una domenica sera quando li si va a trovare per un caffè... E anche per viziare qualcuno che ormai ci ha preso gusto...


Ho rivoluzionato la ricetta che mi ha ispirata facendola diventare un po' più mia... assecondando la mia passione sfrenata per le torte alte e soffici :-) e ho decorato con carotine di marzapane così per dare un tocco in più...risultato? Sono rimaste solo le briciole...







INGREDIENTI:
400gr di carote,
80gr di zucchero semolato,
80gr di zucchero di canna
250gr di farina di mandorle,
140gr di farina 00,
6 uova,
1 pizzico di sale,
scorza di 1  limone grattugiata,
2 cucchiaini di alchermers (l'originale prevedeva il kisrch)
1 bustina di lievito per dolci


Lavare e pelare le carote poi tritarle in un mixer.
In una ciotola capiente rompere le uova rigorosamente a temperatura ambiente e aggiungere lo zucchero di canna e lo zucchero semolat; montare il tutto ocn uno sbattitore elettrico per 10-15 minuti alla velocità massima, finchè non sarà diventata una bella crema soffice e consistente (dalle fruste dovrà cadere creando un effetto come se scrivesse). Aggiungere la buccia di limone grattugiata e a poco a poco le carote e mescolare delicatamente con un cucchiaio di legno dall'alto verso il basso e l'alchermers. Aggiungere un pizzzico di sale. Incorporare ora la farina setacciata con il lievito, mescolando semnpre dall'alto verso il basso e da ultima la farina di mandorle. Ho imburrato (con margarina vegetale) e infarinato un cerchio apribile da 24cm e vi ho versato il composto. Cuocere la torta a 160 per circa 45-50 minuti.
Prima di servire ho spolveraizzato con zucchero a velo la superficie e decorato ocn carotine di marzapane (a me personalmente non piace il gusto del marzapane ma a livello decorativo è carino e tutti gli altri hanno gradito, mangiandosele tutte!).




mercoledì 18 agosto 2010

TORTA RUSTICA DI RICOTTA ALBICOCCHE E MANDORLE

Per ferragosto avevamo in programma una grigliata all'aperto e così ho pensato a una torta campagnola e poco elaborata.. Peccato, che il diluvio che si è abbattuto su Torino nello scorso weekend, ha impedito la scampagnata e ci ha fatto tirare fuori giubbotti pesanti e scarpe chiuse....facendoci credere che l'estate era finita ed era arrivato già l'autunno....e aggiungerei meno male che devo ancora fare le vacanze sennò sarei già di umor nero!! Comunque, poco importa! La carne c'era, la compagnia pure...così è diventata grigliata a casa dei Lupi :-) Ormai la nostra tana :-)... la torta è rimasta sempre questa...e devo dire che è stata pure apprezzata da me che sono ipercritica..mi ha convinta davvero! Per farla ho preso spunto dalla  " torta soffice della nonna" con pesche, apparsa su CucinaModerna oro :"Dolci e conserve con la frutta". Ve la consiglio assolutamente!




INGREDIENTI:

1 confezione di albicocche sciroppate,
370gr di ricotta di pecora,
350gr di farina 00,
1 bustina di lievito per dolci,
200gr di margarina vegetale vallè,
180gr di zucchero semolato,
200gr di mandorle tritate finemente,
6 cucchiai circa di confettura di albicocche,
2 cucchiaini di zucchero di canna,
mandorle a lamelle,
1 pizzico di sale,


Far fondere la margarina a bagno maria e farla intiepidire, poi mescolarla in una ciotola con la ricotta con uno sbattitore elettrico. Aggiungere uan  per una le uova e di seguito lo zucchero e un pizzico di sale.
Incorporare le mandorle tritate fini fini e la farina setacciata e da ultimo il lievito.
Foderare con carta forno il fondo di uno stampo a cerniera, da 24cm di diametro e ungere con margarina e spolverare di farina i bordi. Versarvi metà dell'impasto e livellarlo bene. Mettere al centro la marmellata in modo che non tocchi i bordi. Coprire con il restante impasto stendendolo delicatamente con il dorso di un cucchiaio.
Sgocciolare le albicocche e posizionarle sulla torta a raggiera appoggiandole dal lato del taglio in modo che la parte panicuta rimanga esterna. cospargere con zucchero di canna e lamelle di mandorle.
Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 60 minuti circa.







Questa ricetta partecipa alla raccolta di LA GINESTRA E IL MARE:

venerdì 13 agosto 2010

CORNETTI SEMI SFOGLIATI

Questa è una ricetta ( Qui l'originale )che avevo già provato ante blog (quinid ben lontana dallo scatto compulsivo) e ne ero rimasta molto soddisfatta....ho approfittato di questi giorni di ferie per rifarla e naturalmente immortalare il risultato :-) ha un'unica pecca è lunga!! Quindi ho impiegato un intero pomeriggio a preparare croissant golosi e la sera...una cena tra amici per salutare chi parte e organizzare il ferragosto tra chi resta...et voilà,  sono spariti! Non so se essere soddisfatta di questo..sono piaciuti (ho visto anche usarli come scarpetta nella vaschetta del gelato...e qualcuno ha fatto una lauta colazione...) si ma dopo sta fatica almeno vederli ancora un po' !!! Vabbè, li riproporrò alle prossime ferie...




INGREDIENTI :
250 gr farina manitoba,
250 gr farina 00
100 gr zucchero semolato.
2 uova,
1 bustina di lievito Mastro fornaio,
150 gr latte di soia,
100 gr di acqua tiepida,
1 cucchiainoraso di sale,
1 cucchiaino di aroma alla vaniglia,
1/2 scorza grattugiata di limone,
80 gr di margarina,


Intiepidire il latte di soia.
 In una ciotola capiente versare le farine setacciate e fare un buco al centro e versarvi lo zucchero, il latte tiepido e l'acqua pure tiepida, con una forchetta ho iniziato a mescolarli cercando di non prendere la farina dai bordi; aggiungere il lievito e mescolarlo e incorporare  le uova, semi sbattute a parte. Aggiungere, quindi, la vaniglia e la buccia di limone. Spargere il cucchiaino di sale sui bordi della farina in alto. Pian piano mescolare il composto al centro, raccogliendo la farina dai bordi cercando di inglobare il sale per ultimo.
Mettere il composto su una spianatoia e impastare a mano per circa 15 minuti, aggiungendo un po' di farina man mano, finchè non sarà più molto appiccicoso.
Far riposare in una ciotola spolverata di farina e coperta, in luogo riparato e tiepido (essendo estate ho evitato il termosifone, che è spento, altrimenti si può usare come aiuto o mettere nel forno a 40-50°) per mezz'ora almeno.
Prendere l'impasto lievitato e stenderlo in un rettangolo bello grosso. Spargere la margarina a tocchetti su 2/3 della superficie in senso orizzontale e procedere alla piegatura, dovranno essere 3 pieghe qui le immagini dettagliate (io mi sono scordata di riprenderle) del passaggio.
avvolgere il panetto nella pellicola trasparente e metterlo in frigorifero a riposare per 1h.
Riprendere il panetto e batterlo prima e stenderlo poi, in un rettangolo con il matterello; procedere alla seconda piegatura sempre in 3, avvolgere in pellicola e riporre in frigorifero per 1/2 ora. Dopodiché ripetere un altra volta il procedimento e riporre in frigo per un'altra mezz'ora.
Riprendere l'impasto stenderlo di nuovo in un rettangolo e piegarlo di nuovo in tre parti. Dividerlo ora in due panetti uguali il più possibile e stendere ognuno dei due in un rettangolo di circa 30cmX24cm, tracciare una riga a metà orizzontale e nelle due metà formatesi ricavare 16 triangoli isosceli (6cm di base  15cm di altezza).
Mettere al centro di ogni rettangolo un po' di marmellata di albicocche o quella che si preferisce e formare i cornetti arrotolandoli partendo dalla base. Posar ei cornetti preparati sulla placca da forno foderata da carta forno e coprire e lasciar lievitare ancora mezz'oretta al caldo. Una volta pronti, spennellarli con un uovo sbattuto e cuocere a 180° per circa 12-13 minuti.
Preparare uno sciroppo di zucchero: Mettere a sciogliere in un pentolino antiaderente 6 cucchiai di zucchero semolato con 6 cucchiai di acqua. Una volta sciolto lo zucchero ho diluito con due cucchiai di acqua.
Spennellare con lo sciroppo la superficie dei cornetti e coprire con zucchero in granella.
Sono ottimi sia caldi che freddi tanto non dureranno molto :-)






giovedì 5 agosto 2010

MILLEFOGLIE ALLA CREMA PASTICCERA CON ALBICOCCHE E MANDORLE

Questo weekend i Lupi sono in vacanza...breve... ma vacanza...con il rammarico che non avrebbero avuto il loro dolcino settimanale, spettante al loro rango di assaggiatori ufficiali e dispiaciuti perchè la mia cucina sarebbe rimasta inattiva sono partiti allegramente...peccato che hanno sbagliato di grosso e qualcuno da prendere per la gola c'è sempre... :-) così ho aperto la cucina e ho sperimentato...

...Non essendomi mai cimentata nel preparare la pasta sfoglia con le mie manine, giusto per non incappare in errori (questo dolce doveva venire bene!) mi sono affidata alla sfoglia già pronta della Vincenzi. Invece per la crema ho voluto provare una nuova ricetta, seguendo quella di Paoletta.




INGREDIENTI:
3 fogli di pasta sfoglia già pronta,
400ml di panna vegetale da montare,
600ml di latte di soia,
aroma alla vaniglia,
4 uova,
80gr di farina,
1 pizzico di sale,
albicocche sciroppate,
mandorle,

Preparare la crema pasticcera: Scaldare il latte con la panna e l'aroma di vaniglia e portare a bollore. A parte mescolare le uova, con un pizzico di sale e aggiungere man mano la farina setacciata (non ho messo zucchero perchè la panna vegetale era già zuccherata ma se usate altra panna aggiungete un 60gr di zucchero semolato prima della farina). Incorporare a filo il latte e mescolando portare sul fuoco finchè non si sarà addensato aggiungere le mandorle tritate e far intiepidire.
Prendere un foglio di sfoglia e spennellarlo con lo sciroppo delle albicocche, coprirlo con metà della crema. Stendere sopra le albicocche sciroppate a fettine. Coprire con un secondo foglio di sfoglia, spennellare di sciroppo mettere la crema restante e finire con le fettine di albicocche. Coprire con l'ultimo foglio di sfoglia (la parte a contatto con la crema va prima spennellata con lo sciroppo).
Spolverare con lo zucchero a velo e mettere al centro formando in riga le albicocche a fettine.